Le strane malattie dei vigili di Roma a Capodanno

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

E’ stato uno dei segni più evidenti di una città che stava inesorabilmente cadendo nell’ abbandono e nel degrado. Prima di tutto, per colpa delle proprie istituzioni, quelle che dovrebbero dare il buon esempio. E’ notizia di questi giorni la lista stramba di malattie improbabili, con le quali i vigili giustificarono la propria diserzione durante lo scorso Capodanno.

Malattie vigili urbani di Roma

Il degrado della città di Roma passa anche da lì. Da quelle malattie inventate di sana pianta che permettono ai vigili di Roma di lasciare scoperta e indifesa la Capitale ogni santa festività.

Capodanno a Roma e vigili assenti. Ne abbiamo già parlato in questo post. E’ una strana epidemia, fatta da malanni rari e misteriosi quella che ogni anno colpisce il corpo della Polizia Locale di Roma Capitale. Il 31 dicembre, tac! Si ammalano tutti. E il tribunale ha, nelle scorse ore, diffuso la lista delle malattie atte a giustificare le assenze. Un diritto irrinunciabile per i lavoratori, per carità ma che forse, in questo caso, costituisce un abuso bello e buono. Soprattutto nelle circostanze nelle quali la città di Roma avrebbe più bisogno di una presenza professionale deputata al controllo e alla sicurezza.

A Capodanno, quando la città si riempie di romani e turisti, i vigili sono i grandi assenti. Con quali malattie?

Gente che non riesce ad alzarsi dal letto. Così, senza motivo. Un altro invece non riusciva a recarsi sul posto di lavoro per la forte lacrimazione agli occhi. E ancora coliche, febbri, diarree.

Un’ altra vigilessa invece giura di essere stata visitata da un medico che le avrebbe confermato lo stato cagionevole proprio il 31 dicembre. Ma agli atti risulta che il dottore in questo fosse in vacanza, a circa 50 chilometri di distanza. Insomma, lo scorso Capodanno oltre 750 vigili in malattia, uno scandalo per la città e per i cittadini non poco delusi dal pessimo esempio.

Una cascata di finti certificati e false malattie. E cosa dobbiamo aspettarci quest’ anno?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail