Farmaci online. 2017 è boom di acquisti

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Anche in Italia l’acquisto di farmaci online è in forte espansione. E’ legale farlo solo sui siti che seguono tutte le normative di legge, ed è per questo che è stato creato un logo per facilitare l’individuazione dei portali autorizzati alla vendita di farmaci online.

Solo lo 0,6% sono legali
Su circa 300mila siti monitorati solo lo 0,6% risulta essere in regola per la vendita di medicinali online. I portali che rispettano tutte le regole sono risultati essere 212. Circa 2000 di questi siti vengono definiti “borderline”, ovvero che non rispecchiano in pieno le normative vigenti. I restanti sono veri e propri siti illegali.

Come fare per iniziare a vendere
Chi volesse avviare questo tipo di attività deve essere già in possesso di un’autorizzazione alla vendita di medicinali. E’ stato adottato anche, un logo per riconoscere le farmacie online doc. Il logo rappresenta una croce bianca su uno sfondo a righe verdi. E’ stato creato per aiutare i consumatori a riconoscere più facilmente le farmacie legali.

Come funziona?
Per essere veramente certi che quel sito sia sicuro, bisogna constatare la presenza del logo di cui abbiamo parlato precedentemente in alto sulla destra della pagina web. Dopo di che facciamo un doppio click sulla croce bianca su sfondo verde, si aprirà una seconda finestra nel vostro browser che vi porterà direttamente al sito web dell’autorità competente dello Stato nel quale il rivenditore ha stabilito la propria sede oltre che ad elencarvi la lista di tutti i rivenditori online autorizzati.

Le parole di uno dei responsabili del progetto
Uno dei dirigenti dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) Domenico Di Giorgio ha parlato sull’importanza del controllo di questi siti: “Nei prossimi mesi il monitoraggio sarà attentissimo, operatori e associazioni potranno segnalare sospetti e abusi. Per garantire la sicurezza dei consumatori, lanceremo questa campagna anche in molti altri paesi europei come la Spagna, il Portogallo e la Gran Bretagna. L’informazione è la chiave per la sicurezza”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail